Tante le bandierine biancorosse in città. Emblematica la lettera D sotto l'arco di Molfetta Vecchia

Molfetta si colora di biancorosso per la D

Niente feste e caroselli. Ma la città è un meraviglioso colpo d'occhio di drappi biancorossi che sventolano sotto la brezza di questi giorni

Calcio
Molfetta martedì 26 maggio 2020
di Angelo Ciocia
Molfetta si colora di biancorosso
Molfetta si colora di biancorosso © n.c.

Molfetta attende l’ufficialità della Serie D colorandosi di biancorosso. Da levante a ponente. Dal centro in periferia. L’obiettivo è uno solo: colorare di biancorosso la città in attesa che il consiglio federale dia l’ok per quanto deciso dalla Lega Nazionale Dilettanti.

Molfetta sa che è pura formalità questo passaggio burocratico e prepara la festa. Niente caroselli, grande festa in piazza perché il periodo storico non è dei favorevoli a questo tipo di assembramenti. Sì a colorare di biancorosso la città.

E il colpo d’occhio è notevole con tutte le bandierine che sventolano sotto la brezza del lungomare Marcantonio Colonna. Emblematica la “D” che compare sull’arco di Molfetta Vecchia, come a voler dire: questa categoria nazionale sarebbe stata conquistata anche sul campo, dalla porta principale.

E c’era quasi il Molfetta perché mancavano cinque gare e i punti di distacco dal Corato erano ben sei, con il big match contro i secondi della classe, all’ultima giornata che avrebbe avuto senso, probabilmente, solo ai fini statistici.

Intanto Molfetta è un drappo biancorosso che sventola sotto il fresco maestrale serale di questi giorni. Niente eccessivi proclami, niente feste, ma assolutamente sì a sventolare i colori biancorossi all’interno perimetro cittadino, su piazze, balconi. Anche perché dovremmo abituarci nuovamente: non saranno più le storiche abruzzesi Samb, Chieti, Vastese e Lanciano a scontrarsi contro i bandieroni biancorossi e il calore del Paolo Poli, ma sarà, quasi certamente, un girone H dalla forte impronta appulo-campana-lucana.

Ma in attesa dell’ufficialità, prevista per non oltre la prima decade di giugno, il count-down non solo è partito, ma è anche diventato un bellissimo colpo d’occhio biancorosso che accende di passione e di attesa l’intera città.

Lascia il tuo commento
commenti