Le parole dell'allenatore molfettese passato in estate sulla panchina del Lecce Primavera

Vito Grieco: "Che stimolo allenare il Lecce"

"Lavorerò sulla mentalità e sui comportamenti dei ragazzi: voglio degli uomini, prima, e dei calciatori, poi"

Calcio
Molfetta mercoledì 23 settembre 2020
di Angelo Ciocia
Vito Grieco
Vito Grieco © n.c.

Vito Grieco si appresta a vivere il suo esordio da allenatore in Puglia. Il tecnico molfettese, dopo l'esaltante salvezza conquistata in serie C con la Sicula Leonzio, ritrova un settore giovanile dopo la positiva esperienza a Vercelli. Domani bagnerà il suo esordio ufficiale sulla panchina salentina quando il suo Lecce affronterà i parietà del Benevento nel match di Coppa Italia Primavera.

Prima del match, il tecnico riavvolge il nastro e ripercorre la chiamata ricevuta in estate. "Le motivazioni sono tantissime. La chiamata del Lecce è una chiamata importante. Quando sono sceso ho parlato subito con i due direttori, è stata una chiamata emozionante, è stato facile dire sì", esordisce Vito Grieco.

Poi una panoramica sul gruppo che sta allenando da qualche settimana. "Sono ragazzi che dobbiamo formare, abbiamo un biennio di 2002-2003, siamo un cantiere aperto ma vogliamo fare bene", il commento.

Una chiamata che significa entrare a far parte di una società che bazzica tra serie A e serie B, vera fucina di talenti, guidata da un direttore dell'area tecnica, Pantaleo Corvino, a cui sono associate operazioni come Vucinic, Chevanton, Bojinov al Lecce, Jovetic e Ljajic alla Fiorentina.

"E’ uno stimolo allenare il Lecce e avere la responsabilità di creare un filo diretto tra Primavera e prima squadra, come vuole il direttore Pantaleo Corvino - le parole del tecnico molfettese - La Primavera esula dal settore giovanile quindi il nostro discorso è abbinato alla prima squadra: dobbiamo crescere nella mentalità e far capire che questi ragazzi devono diventare prima uomini poi calciatori, quindi l’aspetto tecnico-tattico viene dopo: dobbiamo lavorare sulla mentalità e sui comportamenti".

Lavoro sulla testa e sulle gambe dei giocatori che condurranno all'esordio in coppa previsto per domani. "Il debutto porta sempre nuove emozioni. Non abbiamo ancora chiuso la rosa, ma vogliamo partire con il piede giusto. Voglio provare sin da subito a impostare la mentalità. E’ un campionato difficile la Primavera-2, un contesto ormai di adulti, in cui noi dovremo dire la nostra", chiude Vito Grieco.

Lascia il tuo commento
commenti