“Piazza pulita”, tre fruttivendoli tornano in libertà

Si tratta di un 24enne e dei suoi genitori. Erano stati arrestati il 7 novembre con altre due persone. Il più giovane era finito in carcere e poi ai domiciliari

Cronaca
Molfetta sabato 19 novembre 2011
di La Redazione
©
Fine della detenzione domiciliare per tre fruttivendoli arrestati lo scorso 7 novembre dai Carabinieri nell’ambito dell’inchiesta “Piazza pulita”, condotta dal sostituto procuratore della Procura di Trani Giuseppe Maralfa.

Si tratta di un 24enne e dei suoi genitori, destinatari, con altre due persone, di un’ordinanza di custodia cautelare. Due dei cinque, il 24enne e un 46enne, erano finiti in carcere. Ai domiciliari gli altri tre.

Gli arrestati sono tutti venditori di prodotti ortofrutticoli e sono ritenuti responsabili - a vario titolo - di occupazione abusiva di suolo pubblico e di reiterate violazioni dei sigilli delle aree pubbliche già sottoposte a sequestro preventivo durante l'operazione in materia di commercio, eseguita a più riprese a partire dal mese di giugno del 2010.

Una settimana fa il giudice per le indagini preliminari del Tribunale di Trani aveva accordato, su richiesta dei difensori, gli arresti domiciliari anche per i due detenuti in carcere. E ieri, su nuova istanza dell’avvocato Maurizio Masellis, ha concesso al più giovane degli arrestati e ai suoi genitori il ritorno in libertà.

Il giudice ha confermato il sequestro dei locali utilizzati per la vendita della frutta. I commercianti adesso si adopereranno per la richiesta di autorizzazione all’occupazione di suolo pubblico, in modo da riavviare la loro attività.
Lascia il tuo commento
commenti