Giunto alla 18esima edizione, il riconoscimento viene tributato a professionisti di vari settori

Il Magistrato Valerio de Gioia e l'arbitro Eugenio Abbattista vincitori del premio Leonardo Azzarita

Insieme a loro, altri quattro premiati d'eccezione: professionisti del settore del giornalismo, dell'imprenditoria e della cultura

Attualità
Molfetta martedì 05 aprile 2022
di La Redazione
Massimiliano Silvestri
Massimiliano Silvestri © n.c.

Anche quest'anno, torna il premio Leonardo Azzarita. Giunto alla sua 18esima edizione, il premio viene tributato a sei vincitori: professionisti nel settore del giornalismo, della comunicazione, delle istituzioni, del management e della cultura.

Per questa edizione, la commissione presieduta da Giuseppe Pansini ha stabilito i nomi scegliendo tra una rosa di candidati davvero folta tra cui rientrano ben due molfettesi.

Per la categoria "istituzioni" sarà premiato il Magistrato molfettese Dottor Valerio de Gioia, Giudice del Tribunale penale di Roma e autore di numerosi volumi, il più recente con la giornalista del Tg1 Adriana Panitteri dal titolo “In nome del Popolo televisivo”. De Gioia è anche direttore della rivista giuridica “Njius" ed  è   stato   docente   presso   la   Scuola   di specializzazione delle professioni legali della “Sapienza – Università di Roma” e presso l’Istituto Superiore di Tecniche Investigative dell’Arma dei Carabinieri – Ufficio Addestramento, Velletri.

Invece, per il mondo delle "professioni", il Premio Azzarita andrà ad Eugenio Abbattista, arbitro di serie A-B e dirigente della AZIMUT. In un periodo difficile come quello della pandemia, la sua azienda con il suo impegno, si era impegnata a fornire mascherine di protezione dal covid in un momento nel quale non se ne trovavano.

Accanto a questi due pregievoli nomi del nostro panorama cittadino, altri quattro volti di grande rilievo: per la sezione "giornalismo" sarà premiata Maria Luisa Sgobba, giornalista del Tg5 e Vice Presidente Nazionale UCSI Unione Cattolica Stampa Italiana; per il mondo della "cultura", la scrittrice italiana Gabriella Genisi che, con il suo personaggio, Lolita Lobosco, ha creato una saga molto letta e seguita in televisione; per la sezione "manager", il premio andrà a Massimiliano Silvestri, presidente di Lidl Italia ed, infine, un riconoscimento speciale per Irene Bellifemine, Sindaca di Mainate,  impegnata da primo cittadino e da infermiera in prima linea per la lotta al covid.

La cerimonia di conferimento del premio è prevista per il prossimo sabato 7 maggio alle ore 18.30 presso l’Aula Magna Mons. Ladisa del Pontificio Seminario Regionale Teologico Pugliese Pio XI.

Lascia il tuo commento
commenti