Non solo U Toeme. Per la riuscita del carnevale, ecco le tipiche mascheremolfettesi: la zingarella, il medico dei pazzi, il contadino, il prete, la donna che si lamenta

"Carnevale d'altri tempi", all'IC Scardigno - Savio tra U Toeme e altre tradizioni

Docenti, genitori e alunni partiti dai plessi “Scardigno” e “Valente” si sono incontrati nei pressi della Casa di Riposo Don Grittani, per accompagnare, nel lungo corteo funebre, la salma di “ù Toeme”

Attualità
Molfetta sabato 02 marzo 2019
di La Redazione
IC Scardigno-Savio, Carnevale d'altri tempi
IC Scardigno-Savio, Carnevale d'altri tempi © n.c.

Quest’anno gli alunni della scuola primaria appartenente all’Istituto Comprensivo “Scardigno-Savio”, in occasione del Carnevale, hanno potuto rivivere una vecchia tradizione appartenente agli usi e costumi della nostra città. In passato a Molfetta, la sera del martedì grasso, dall’Arco della Terra usciva un corteo funebre formato da uomini travestiti da “lamentatrici”, che piangevano il defunto “Toeme”, un fantoccio di paglia con vestiti rattoppati. Giunto al borgo, il corteo si riuniva per spogliare il defunto e bruciarlo. Con questa manifestazione si concludeva il Carnevale...

Con lo stesso spirito la scuola primaria dell’Istituto Comprensivo “Scardigno-Savio” ha voluto rispolverare una tradizione che si sta perdendo raccontando e vivendo, allo stesso tempo, il significato che racchiude questa festa. Ieri, ultimo giorno scolastico prima delle feste di Carnevale, in una bellissima giornata assolata, docenti, genitori e alunni partiti dai plessi “Scardigno” e “Valente” si sono incontrati nei pressi della Casa di Riposo Don Grittani, per accompagnare, in un unico, lungo corteo funebre, la salma di “ù Toeme”, marito della “Quarantana”. Durante la processione i partecipanti hanno pianto la perdita al grido straziante di: “U Toeme è murt! U Toeme è murt!”. Con i loro lamenti hanno voluto ricordare ai presenti, genitori, nonni e semplici passanti, il significato del “Carnevale”, il cui termine, derivante dal latino, si ricollega all’originario costume di eliminare e dire “addio alla carne” con un ultimo, abbondante banchetto prima dell’astinenza e del digiuno del seguente periodo di Quaresima.

Il corteo, proprio come vuole la tradizione molfettese, si è concluso con il falò di “Toma”. Arrivati nella Piazza dell’Amicizia, presso la scuola Scardigno, il Dirigente Scolastico, Prof.ssa Paparella Nicoletta, dopo aver chiamato intorno al fantoccio i “dottori” presenti, il “prete” e “la vedova”, ha acceso il falò. E’ seguito, poi, un momento gioioso che ha visto la partecipazione degli alunni e dei genitori. Rilevante è stato il contributo delle famiglie che si sono adoperate per l’ottima riuscita della manifestazione ricercando e vestendo i bambini con le tipiche maschere del carnevale molfettese: la zingarella, il medico dei pazzi, il contadino, il prete, la donna che si lamenta

Un’esperienza molto positiva che ha permesso ai partecipanti di divertirsi e di riscoprire e dare il giusto valore alle nostre tradizioni.

Lascia il tuo commento
commenti