La nota del gruppo

Liberatorio Politico: "Allarme sicurezza in città?"

"Il 2019 potrebbe risultare l'anno più incendiario e deflagrante degli ultimi 12 anni"

Attualità
Molfetta martedì 14 maggio 2019
di La Redazione
La sede del Liberatorio Polico
La sede del Liberatorio Polico © MolfettaLive.it

Riceviamo e pubblichiamo la nota diffusa dal Liberatorio Politico.

Anche se i numeri a volte sembrano non interessare ai più, in questo caso sono quelli che ci permettono di affermare che siamo purtroppo in allarme sicurezza in città; e dall'inizio dell'anno i numeri ci dicono che ci sono state già 12 auto danneggiate dai roghi notturni, un'auto è stata distrutta da una bomba carta in pieno giorno e un'altra bomba carta è deflagrata nei pressi della parrocchia Madonna della Rosa ma non si conosce il destinatario. Se i numeri continueranno con questa frequenza, il 2019 potrebbe risultare il più incendiario e deflagrante degli ultimi 12 anni.

Nelle riflessioni della nostra pagina dedicata "E domani a chi toccherà ", non abbiamo mai accettato, e continueremo a non accettare, l’idea che gli incendi in città siano episodi incidentali e casuali oppure dovuti, solo e semplicemente, a corto circuiti, autocombustione o motivi “passionali”. Abbiamo chiesto, più volte alle amministrazioni di turno, di sollecitare l'intervento della Prefettura, o Procura, affinché fosse istituito un fascicolo unico per avviare indagini coordinate, pur contro ignoti, per accertare se si tratti di incendi dolosi provocati da piromani seriali, piromani d’occasione o di emulazione, atti vandalici, ritorsioni o vendette personali; oppure se a Molfetta, e nelle città limitrofe, siamo di fronte a operazioni criminali che hanno come obiettivo la creazione di un clima di paura collettiva. Al momento nulla di tutto questo ci risulta essere stato fatto, o per lo meno non ci è stata data notizia dai nostri interlocutori istituzionali. Anche nell'ultima riunione del “Comitato Comunale di monitoraggio dei fenomeni delinquenziali ” del 7 maggio scorso, nonostante le nostre sollecitazioni e le ultimissime vicende di microcriminalità, il presidente Piergiovanni e le altre figure istituzionali presenti, non hanno ritenuto di relazionare sugli episodi di cui ci stiamo occupando.

L'amministrazione comunale e il sindaco in tutti questi mesi, non solo dopo i ripetuti incendi d'auto, ma anche dopo tre pericolosissime sparatorie in città, atti dinamitardi, rapine, furti d'auto e di appartamento, non hanno ritenuto di spendere una sola parola in merito. Per assurdo, e sarcasticamente, anche se fossimo difronte a incidenti di autocombustione, o corto circuito, lo stesso sindaco dovrebbe chiedere l'intervento della Protezione civile nazionale per capire cosa accade alle nostre auto che prendono fuoco sempre di notte, sia d'estate che d'inverno, o invitare le case costruttrici delle auto bruciate a verificare la loro produzione perché a Molfetta le loro auto s'incendiano da sole procurando danni al patrimonio privato e pubblico.

Per questi motivi il Movimento Liberatorio invita i cittadini ad un'assemblea pubblica per discutere degli incendi di auto, degli atti dinamitardi e intimidatori, della criminalità e dello spaccio della droga che ricomincia a riaffacciarsi in città, da tenersi martedì 14 maggio alle ore 19.30 presso la sede del Movimento Liberatorio in via Campanella n.50.

Lascia il tuo commento
commenti