160 telecamere in azione

Inaugurata la nuova sede della Polizia Locale

L’Amministrazione Comunale investe in sicurezza

Attualità
Molfetta lunedì 03 giugno 2019
di La Redazione
L’inaugurazione della nuova sede della Polizia Locale
L’inaugurazione della nuova sede della Polizia Locale © N.c.

Per il momento, e solo per il momento, sono 160 le telecamere che sorvegliano il territorio. Presto saranno duecento. Lo ha sottolineato l’assessore alla sicurezza, Antonio Ancona, in occasione della cerimonia inaugurale della nuova sede della Polizia Locale. Una struttura ampia, 600metri circa, assolutamente idonea a rispondere alle esigenze di una città in continua espansione. Dotata di tecnologie all’avanguardia che consentiranno di essere presenti ovunque e di intervenire, laddove ve ne fosse necessità, in tempo reale.

All’interno della nuova sede, che un tempo ospitava gli Uffici del Giudice di pace, c’è una centrale operativa che “registrerà” tutto quello che accade in città anche nelle ore notturne, quando il Comando della polizia locale è chiuso. Tempi duri per i male intenzionati, ma anche per i furbetti della spazzatura e per quanti si dimenticano di revisionare la propria auto o di rinnovare la polizza assicurativa. Un software segnala subito le irregolarità alla centrale.

Il trasferimento nella nuova sede (la polizia locale era in piazza Vittorio Emanuele da aprile del 1971) coincide anche con un importante aumento dell’organico. Nell’ultimo anno sono stati assunte18 nuove unità lavorative.

«È l'inizio di una nuova operatività – ha sottolineato il sindaco, Tommaso Minervini - di un'antica e primaria forma di sicurezza della comunità locale. Operatività mai disgiunta da quella delle altre forze dell'ordine, che insieme a noi costruiscono ogni giorno la fatica della sicurezza, quella condizione primaria, essenziale, in cui svolgere tutte le attività umane, sociali, economiche e relazionali». Presenti all’inaugurazione della nuova sede, oltre al sindaco e all’assessore Ancona, il presidente del Consiglio comunale, Nicola Piergiovanni, l’onorevole Francesca Galizia, il sindaco di Giovinazzo, Tommaso Depalma, l’assessore Pino Allegretti del Comune di Terlizzi, numerosi assessori e consiglieri comunali, ma anche esponenti del mondo dell’associazionismo, delle associazioni combattentistiche e d’armi. E poi tutto il corpo della Polizia Locale, alla guida del comandante, Giovanni Di Capua, schierato ad accogliere la Fanfara dei Bersaglieri di Terlizzi, i comandanti della Compagnia Carabineri, della Guardia di Finanza, della Capitaneria di porto.

«È una nuova fase - ha aggiunto il sindaco - che non nasce da un foglio bianco, ma dall'esperienza di tanti uomini e donne che in questo corpo di Polizia locale hanno speso una vita».

Nella stessa struttura si trova anche la Misericordia, presto arriveranno anche le Guardie Campestri e l'associazione "Appoggiati a me".

«Portiamo a termine un lavoro durato mesi – ha concluso l’assessore Ancona – è una struttura moderna, efficiente e dotata di sofisticate tecnologie».

Lascia il tuo commento
commenti