Un anno fa

Un anno fa la benedizione della Croce e dell’Ulivo

Il monumento è stato realizzato per ricordare Don Tonino Bello e la venuta di Papa Francesco a Molfetta il 20 aprile 2018

Attualità
Molfetta martedì 07 aprile 2020
di La Redazione
Monumento croce e ulivo
Monumento croce e ulivo © N.C.

Esattamente un anno fa, il 7 aprile del 2019, Molfetta partecipava alla benedizione di un simbolo, una croce ed un ulivo secolare che, a perenne memoria, testimonierà l’amore per un Vescovo scomodo, don Tonino Bello, e di un Pontefice, Papa Francesco, che fece sosta nella nostra città il 20 aprile del 2018.

Oggi, in quella Croce scomoda, posizionata nel cuore della città, a guardare la finestra da cui don Tonino amava affacciarsi, Molfetta riscopre la speranza e a quella Croce si affida per superare, insieme, alcuni tra i giorni più tristi della sua storia.
Un anno fa sul palchetto, posizionato dall’aiuola spartitraffico di piazza Garibaldi, c’erano il sindaco, Tommaso Minervini, il vescovo della Diocesi, monsignor Domenico Cornacchia, l’arcivescovo metropolita, monsignor Francesco Cacucci. E c’era pure il popolo di don Tonino, quello che neppure la pioggia era riuscito a fermare.

"Con la benedizione di oggi – disse allora il sindaco Minervini - devono tornare in primo piano i molti volti autentici ad incrociare il messaggio di don Tonino ben piantato nel centro della nostra città. Così quando noi non ci saremo più, e le nostri opinioni ed i cavilli burocratici non li ricorderà più nessuno per i laici resterà la tensione etico morale, per i credenti la tensione evangelica. Infatti questi segni vanno oltre di noi e i loro valori cammineranno su altre gambe ed in altri cuori"

Lascia il tuo commento
commenti