Invito alla prudenza in situazioni di mare mosso come ieri

Bagnanti in difficoltà, l'intervento di Maik: "Ma non mi sento un eroe"

Le forti correnti e le onde hanno reso difficile l'uscita dal mare di due ragazze

Attualità
Molfetta lunedì 06 luglio 2020
di La Redazione
Maik Prato, durante l'intervento a supporto di due bagnanti, a Torre Gavetone
Maik Prato, durante l'intervento a supporto di due bagnanti, a Torre Gavetone © Molfettalive.it

Per fortuna solo tanta paura ieri pomeriggio nella località balneare molfettese del Gavetone.

Intorno alle 17 due ragazze si sono dovute letteralmente scontrare con la forte corrente marina e il moto ondoso, incontrando difficoltà a tornare a riva. Ad aiutare le due ragazze sono stati due bagnanti molfettesi.

"Per fortuna non è successo nulla di grave - racconta Maik Prato, uno dei due ragazzi - Vuoi per la stanchezza dopo aver nuotato nel mare molto mosso, vuoi per la forte corrente, le ragazze non riuscivano a uscire dall'acqua. Appena abbiamo avvertito la complessità dell situazione, io e mio cognato le abbiamo prontamente aiutate".

Un invito alla prudenza non è mai banale. "In alcuni casi occorrerebbe essere più prudenti. Per fortuna non abbiamo dovuto salvarle letteralmente, ma semplicemente aiutarle", continua Maik Prato.

Una delle disposizioni della Guardia Costiera per l'operazione Mare Sicuro 2020 è stata proprio quella di evitare eventi come quello accaduto alle due ragazze al Gavetone. Un invito al buon senso che giunge forte anche dalle parole di Maik, autore di un piccolo grande gesto nel pomeriggio di ieri.

Lascia il tuo commento
commenti
I commenti degli utenti
  • Pino depalma ha scritto il 06 luglio 2020 alle 12:58 :

    Sono delle irresponsabili mettere a rischio la propria vita, e quella di chi va ad aiutarle!! Quando c'è vento e forti correnti non bisogna sfidare il mare. Ieri leggevo che a Barletta, a perdo la vita un papà tentava di salvare la vita a sua figlia, la figlia ce la fatta,mentre il papà preso dalla fatica, ecc. Non ce la fatta. State attenti!! Rispondi a Pino depalma