Gli incendi alle auto nel rapporto della Direzione investigativa antimafia

Resi noti i dati del secondo semestre 2010 nel triangolo Bitonto-Giovinazzo-Molfetta: +120%. Gli investigatori non escludono «una regia di piromani con precise strategie ritorsive»

Cronaca
Molfetta lunedì 19 settembre 2011
di Lorenzo Pisani
© n.c.
«Tra i fenomeni criminali che connotano ulteriormente il contesto criminale barese, elevando il livello di allarme sociale, è da segnalarsi quello degli incendi di autovetture, verificatisi in particolare nel territorio di Bitonto-Giovinazzo-Molfetta, la cui matrice è incerta, non potendo però escludere una regia di piromani con precise strategie ritorsive».

Anche la Direzione investigativa antimafia analizza il fenomeno degli incendi che da circa due anni coinvolgono sistematicamente la nostra città.

Lo fa nel rapporto del secondo semestre del 2010, recentemente reso noto, in cui sono illustrati gli aspetti criminali e delinquenziali nazionali, regione per regione.

La Dia è un organismo investigativo composto da personale specializzato proveniente dalle forze dell’ordine, e ha il compito di coordinare le indagini sulla criminalità organizzata e sulla mafia. Nata nel 1991, conta sedi periferiche in dieci regioni. Due sono quelle pugliesi, a Bari e Lecce.

Ogni semestre la direzione elabora un rapporto, che ripercorre tutte le indagini, dandone visione globale.
E proprio l’ultimo cita gli incendi nel nostro territorio, più precisamente in quello che si potrebbe definire “il triangolo delle fiamme” composto dai comuni di Bitonto, Giovinazzo e Molfetta.

La matrice, come riferiscono gli investigatori, è incerta, ma le indagini sembrerebbero puntare alla pista dell’estorsione.

«È, infatti, in quest’ultima direzione – si legge nel documento dell’Antimafia - che si colloca l’arresto, eseguito in esecuzione di ordinanza di custodia cautelare in carcere emessa il 29 ottobre 2010, di due soggetti, accusati di aver dato fuoco ad un motociclo ed a un autocarro di proprietà di due testimoni che, con le loro dichiarazioni, avevano consentito di acquisire inconfutabili elementi di responsabilità a carico di alcuni indagati, tratti in arresto nell’ambito dell’operazione denominata “Barracuda” (si tratta di un’operazione antidroga eseguita l’11 maggio 2010, ndr), tra cui il padre di uno dei due incendiari».

Da giugno a dicembre dello scorso anno le statistiche parlano di un + 120% degli atti incendiari.

Non sembra da meno il 2011. Fino ad oggi si sono registrati 30 roghi di auto e l’esplosione di due bombe. In un caso al furto e all’incendio di un’auto si è accompagnata una “spaccata” in un supermercato, con relativo incendio. È il caso della notte di sabato 17 settembre.
Lascia il tuo commento
commenti
I commenti degli utenti
  • sagem ha scritto il 19 settembre 2011 alle 17:22 :

    noi molfettesi abbiamo un gran rispetto per le forze dell'ordine(parlo delle persone)e contiamo che facciano un po' di controlli specialmente nelle ore notturne in cui il cretino di turno è in servizio. Rispondi a sagem

  • jekky ha scritto il 19 settembre 2011 alle 13:18 :

    speriamo che non succeda a terlizzi una cosa del genere Rispondi a jekky

  • jekky ha scritto il 19 settembre 2011 alle 13:16 :

    speriamo vengano presi i colpevoli il prima possibile. Rispondi a jekky