I gilet arancioni non chiedono le dimissioni di nessuno ma, anzi, sono pronti a collaborare con tutti per un cambio di passo decisivo per il settore

Soddisfatti i “gilet arancioni”: «La politica adesso sa che non può più scherzare»

Emiliano: «Gli agricoltori pugliesi stasera hanno avuto la consapevolezza che non solo il Presidente, ma tutta la Regione e i suoi uffici, sono concentrati in questa lotta. È una lotta difficile»

Cronaca
Molfetta martedì 08 gennaio 2019
di La Redazione
A Bari i
A Bari i "gilet arancioni" coratini © CoratoLive.it

Un coordinamento tra Regione e agricoltori per porre rimedio alle questioni che assillano l’agricoltura pugliese e l’impegno a richiedere nuove risorse nel Patto per il Sud per ristrutturare l’agricoltura e l’olivicoltura. Sono due dei più importanti risultati che la delegazione dei gilet arancioni ha raggiunto dopo l’incontro con il presidente della Regione Puglia Michele Emiliano. Lo stesso presidente parteciperà mercoledì 9 all’incontro a Roma tra i gilet arancioni ed il Ministro Centinaio.

È stato convocato, invece, per sabato 12 gennaio, alle 11.30, presso la Presidenza della Regione Puglia, il primo incontro del nuovo coordinamento Regione-agricoltori.

«Siamo soddisfatti per i risultati di questa giornata storica per l’agricoltura pugliese e italiana, raramente è stata registrata una partecipazione così numerosa e spontanea, senza simboli e bandiere - ha sottolineato il portavoce dei gilet arancioni Onofrio Spagnoletti Zeuli - È stato commovente vedere tanta gente, tanti giovani, tanti operai e tanti imprenditori in piedi dalle 5 di questa mattina per rivendicare l’orgoglio di una terra per troppo tempo abbandonata».

«Lo stato di agitazione ovviamente permane fino a quando non otterremo i risultati che anche quest’oggi ci sono stati promessi - ha continuato Spagnoletti Zeuli - Ma sono convinto che stavolta la politica non scherzerà con i nostri agricoltori, e per questo ci è sembrato giusto tornare a casa dopo questa giornata storica.

Grazie a tutti gli agricoltori che hanno aderito a questa manifestazione, teniamo alta sempre la bandiera della dignità del nostro lavoro e della nostra terra» ha concluso Spagnoletti Zeuli.

I risultati ottenuti dalla mobilitazione di oggi che ha coinvolto 5000 agricoltori e 150 trattori: incontro con il Ministro Centinaio a Roma il 9 gennaio; visita del Ministro Centinaio a Bari il 31 gennaio; scuse dei parlamentari della Lega e del M5S per non essere riusciti a risolvere i problemi legati alle gelate nella manovra ed in tutti gli altri provvedimenti; impegno dei parlamentari della Lega ad inserire un emendamento blindato per decretato lo stato di calamità dovuto alle gelate di febbraio; impegno dei parlamentari di opposizione ad appoggiare l’emendamento; tavolo ministeriale convocato per giovedì 10 per la stesura del piano olivicolo nazionale; condivisione della piattaforma programmatica da parte del Presidente Emiliano; coordinamento Regione-agricoltori per risolvere i problemi del settore (xylella, psr, etc.); impegno da parte del presidente Emiliano per garantire più Risorse per la ristrutturazione dell’agricoltura e olivicoltura pugliese nell’ambito del Patto per il Sud.
«Oggi ci siamo chiariti - ha confermato Emiliano - perché questo dell’agricoltura è un mondo molto complesso e sofferente. Stiamo subendo una congiuntura drammatica, dove alle minacce derivanti dalla xylella, questo mostro che viene dal Sudamerica e che ci ha colpito alle spalle, si è sommato il dramma dei cambiamenti climatici.



Abbiamo avuto dei momenti di siccità, quando avrebbe dovuto piovere; e per la prima volta a memoria di agricoltore ci sono state delle gelate che - come è noto - sono il nemico principale dell'ulivo assieme all'eccesso di acqua. Perché mentre l’ulivo resiste bene alla siccità, non regge né l'eccesso di pioggia né il freddo. Questo ha reso improduttivi gli ulivi: quindi c'è stata una tempesta perfetta, che deve essere risolta da un immediato decreto legge del Governo che consenta quantomeno quei provvedimenti analoghi alle calamità naturali. Purtroppo in questo momento, specie per le gelate, questi provvedimenti non sono possibili per legge, perché essendo queste materie assicurabili non è possibile attivare le provvidenze e la dichiarazione dello stato di calamità. Però all'epoca in cui è stata rilevata questa gelata - perché non è stato rilevato immediatamente l'effetto della gelata - non erano ancora stati emessi dal Governo quei provvedimenti prodromici per poter chiedere e fare le assicurazioni. Insomma, un serpente che si morde la coda. Va trovata immediatamente una soluzione.



Gli agricoltori pugliesi stasera hanno avuto la consapevolezza che non solo il Presidente, ma tutta la Regione e i suoi uffici, sono concentrati in questa lotta. È una lotta difficile perché al Nord come al solito, quando succede qualche cosa a loro, sono sempre pronti a intervenire immediatamente come è successo per esempio per le calamità naturali di tipo idrogeologico in Veneto. Mentre quando invece siamo noi a chiedere delle cose, tutto diventa più complicato. Però sono certo che il ministro Centinaio dopo la manifestazione di oggi abbia ben capito con chi ha a che fare».

Lascia il tuo commento
commenti
I commenti degli utenti
  • Isabelle Krier ha scritto il 08 gennaio 2019 alle 18:17 :

    Ahahah avete coppia te sulla France adesso manifestare con questo gilet ma per fortune siete molto piu civilizate che le francese voi non sparcate niente complimenti😘 Rispondi a Isabelle Krier