Il pensiero del medico molfettese affidato ad un post su Facebook

Felice Spaccavento sulla nuova giunta: "Processo politico senza dignità"

"La politica non è punto e a capo. Non è amnesia. E’ un sacrificio per gli altri non divertimento per pochi"

Politica
Molfetta martedì 26 gennaio 2021
di La Redazione
Felice Spaccavento
Felice Spaccavento © n.c.

Non si fa attendere il commento di Felice Spaccavento in merito alla presentazione della nuova giunta comunale, tenutasi ieri. Un pensiero, quello del medico molfettese, affidato ad un post sui propri canali social.

"Mi chiedo se il popolo del vero centro sinistra a Molfetta, che si sente vicino al Pd, condivida questo processo. Quello di una giunta, che quasi tutta ha appoggiato Fitto ed ora fa finta che non sia successo nulla.

La politica, a mio parere, deve essere dignitosa. Non è punto e a capo. Non e’ amnesia. E’ un sacrificio per gli altri non divertimento per pochi. E’ visione di progetti comuni. E’ costruzione con fondamenta solide, non pali di truciolato piantati in una palude.

Io in questo processo politico non vedo alcuna dignità. Spero che chi ha ancora voce in questa comunità, possa gridarlo e condividerlo perché solo così si finisce con l’io e si comincia con il "noi".

Perdonatemi ma non potevo tacere".

Lascia il tuo commento
commenti
I commenti degli utenti
  • Saverio Mongelli ha scritto il 30 gennaio 2021 alle 10:41 :

    Purtroppo in politica esistono mediazioni che assomigliano molto a com-promesse(i) di solidali alleanze e patti elettorali, ad equilibri di forze e a conseguenti... equilibrismi di gestione. Il discrimine è costituito esclusivamente dalla fedeltà al programma di governo amministrativo. Questa è la attuale... "cultura" politica..., molto "trasformista" ma non so se "socialista". Rispondi a Saverio Mongelli

  • Domenico Petruzzella ha scritto il 26 gennaio 2021 alle 11:30 :

    Tanti anni fa un politico llocale mi disse, la politica è una cosa sporca.Oggi non oso come definirla e vediamo che succede a livello nazionale Rispondi a Domenico Petruzzella