La nota sul profilo Facebook

Spaccavento: "Tammacco con Fitto: i trasformismi sono il male della politica"

Le parole del candidato "Mi aspetto un atto di coerenza dal sindaco"

Politica
Molfetta venerdì 31 luglio 2020
di La Redazione
Il commento di Felice Spaccavento
Il commento di Felice Spaccavento © n.c.

Dopo Paola Natalicchio, anche Felice Spaccavento si sofferma sulla candidatura di Saverio Tammacco al fianco di Fitto.
"Oggi è una giornata da dimenticare - afferma Spaccavento sul proprio profilo Facebook - Prima la notizia della bocciatura, di fatto, della norma sulla introduzione della parità di genere che, nel corso della notte, è stata affossata dal Consiglio regionale a causa dell’indecente ostruzionismo delle destre e, poi, stamattina, l’ennesima conferma di quanto il trasformismo continui ad inquinare i pozzi della buona politica.
Saverio Tammacco passa armi e bagagli nel centrodestra a sostegno della candidatura di Raffaele Fitto, dopo essersi candidato nel 2015 con il centrosinistra e aver trascorso tre anni nel Consiglio di Amministrazione di “Puglia Sviluppo”, nominato direttamente dal Presidente Michele Emiliano.
Questo passaggio era atteso, se ne discuteva da molto a Molfetta, la mia città, e nelle ultime settimane sono andate in scena, in chissà quali stanze oscure, trattative opache, incontri, riunioni per accaparrarsi le preferenze che Tammacco può portare in dote, indistintamente a destra o a sinistra, senza nessuna attenzione a programmi, progetti, prospettive del territorio. Solo opportunismo. Solo la ricerca della migliore collocazione per poter strappare una comoda elezione.
L’esito è questo qui.
Ora mi aspetto un atto di coerenza da parte del Partito Democratico di Molfetta e del Sindaco della città, Tommaso Minervini. Per tre anni è stata raccontata la favola di una amministrazione “civica” che si basava su un accordo politico tra i movimenti che facevano direttamente capo a Saverio Tammacco (tutta la classe dirigente che per anni ha governato con il centrodestra, alla corte di Antonio Azzollini) e il Partito Democratico. Oggi la maschera è caduta. Ne sapranno trarre le conseguenze il Partito Democratico locale e il Sindaco? O si presteranno a un indecente ribaltone? Vedremo.
Intanto mi sento solo di dire che i trasformismi e gli opportunismi sono il male della politica, radicato, purtroppo, in moltissimi territori. Perché di “Saverio Tammacco” e cioè di banderuole al vento degli opportunismi politici, è piena la Puglia, dal Gargano al Salento, passando per la Provincia di Bari, basti vedere gli esempi di Terlizzi, Monopoli o Conversano.
Ecco, questo modo di intendere la gestione del consenso rappresenta un tumore da estirpare con le uniche armi democratiche che conosco: il voto e la partecipazione dei cittadini.
Perché un’altra Politica esiste. E va sostenuta SEMPRE.
La nostra comunità ha bisogno di riunirsi e sono sicuro che lo farà con lo spirito giusto e con le persone giuste".

Lascia il tuo commento
commenti
I commenti degli utenti
  • Salvatore ha scritto il 31 luglio 2020 alle 13:49 :

    Non è una cosa nuova il trasformismo, nella politica italiana è la regola !! Basta vedere nella politica nazionale, non esistono gli ideali di un partito ,ormai è convenienza di arraffare soldi altrui Rispondi a Salvatore