La nota stampa congiunta di tutte le società militanti nel girone G di Serie B del futsal, tra cui il sodalizio molfettese guidato da De Giglio

Aquile Molfetta: "Congelare le classifiche e garantire fondi per partire in sicurezza"

"E' utopistico ripartire: i mostri sacri della Serie A fanno fatica a rispettare il protocollo. Proponiamo di congelare le classifiche e aiutare le società a riprendere, in sicurezza, i loro progetti sportivi"

Altri Sport
Molfetta lunedì 11 maggio 2020
di La Redazione
Donato de Giglio, presidente della Sefa Molfetta
Donato de Giglio, presidente della Sefa Molfetta © n.c.

Lo sport è uno dei temi del momento. La sua ripartenza o meno è il tema caldo che si affianca all'emergenza sanitaria ed economia. Le Aquile Molfetta, questa mattina, riportano sui propri canali di comunicazione un comunicato congiunto, redatto con tutte le società sportive partecipanti al girone G di serie B nazionale di futsal, Chaminade, Diaz Bisceglie, Free Time L'Aquila, Futsal Canosa, Futsal Capurso, Giovinazzo, Olympique Ostuni, Real Dem, Sefa Molfetta, Sporting Venafro e Torremaggiore.

Di seguito il corpo della nota congiunta.

"La pandemia non è colpa di nessuno; il silenzio e l'incertezza di questi giorni... si.

Il Futsal, ai tempi del covid19, è in un silenzio assordante. O meglio, si parla, si decanta, si paventa, qualcuno, a suo modo, progetta: ma non chi di dovere, probabilmente. E non stiamo parlando nemmeno della prossima stagione, ma di quella in corso. Il pallone non rotola, dal 29 febbraio. Il nostro giocattolo preferito, fatto per lo più di sacrifici. Per quasi tutti, non una professione. Un dopo lavoro, meglio dipinto come una vera e propria passione. La passione, quella che ci stanno uccidendo. Mentre tutti gli altri sport sono fermi, hanno chiuso i battenti (giusto o sbagliato che sia) e programmano il futuro, per noi si naviga a vista, collocati nell'incertezza più assoluta. Tecnicamente, sulla carta, se qualcuno domani si sveglia con il piede sbagliato si potrebbe ancora giocare. Un’utopia, se si pensa ad un protocollo che, ad oggi, hanno difficoltà a portare avanti i mostri sacri della serie A del “pallone più famoso”.

Mesi di silenzio, di comunicati, di rinvii sulla base di decisioni del governo, di attacchi personali tra la governance dirigenziale, che tra di loro non ha più rapporti stabili da oltre sei mesi. Lungi da noi, commentare o giudicare nessuno, ma qualsiasi motivo ci sia dietro, le società chiedono rispetto. E per chi, dopo mesi di silenzio, pensava alla luce in fondo al tunnel, con il Consiglio Nazionale dell'otto maggio, un colpo di biliardo stravolge la situazione. Si rinvia, ogni decisione, per un confronto con le società, per mezzo e richiesta del presidente in persona. Si prende tempo, insomma, ma le società non si tirano indietro, fanno il loro dovere e si presentano all'appello. Le società si, il presidente no. Manda un saluto. Qualsiasi cosa ne verrà fuori, lascia un segno tangibile di tristezza. Ci sentiamo abbandonati al nostro destino.
Se volete bene al movimento è giunta l'ora di correre. La gente è stanca. Il movimento siamo noi. Cercate di non disperderlo.

Ps. Cosa potranno mai volere le società? Dopo una pandemia, salvaguardare il proprio lavoro, le proprie aziende, le proprie vite, viene prima di qualsiasi cosa. Congelate le classifiche, chiudete i campionati e trovate fondi e modi per far ripartire la giostra con il minimo indispensabile di costi per le società, e mettetele delle condizioni di poter trovare ancora i fondi per dare continuità ai loro progetti"

Lascia il tuo commento
commenti