La citazione durante la semifinale della Pallavolo italiana

"Il tifo di Molfetta era il settimo, ottavo, nono, decimo giocatore in campo"

Colantoni e Lucchetta, voci Rai del volley, ricordano Molfetta e la sua grande passione per questo sport

Volley
Molfetta domenica 19 settembre 2021
di Angelo Ciocia
I Fedelissimi, tifoseria organizzata dell Exprivia Molfetta
I Fedelissimi, tifoseria organizzata dell Exprivia Molfetta © n.c.

Polonia 2021. Un po' come Belgrado 2021 per il volley rosa e Wembley per le notti azzurre di inizio luglio.

La pallavolo azzurra, la più giovane per età media della competizione, annichilisce la favorita Serbia.

Qualche ora prima si gioca Slovenia-Polonia. Altro pronostico sovvertito. Vince la Slovenia, sfavorita alla vigilia. Lo fa grazie all'ingresso del regista Ropret, a Molfetta a gettone per l'infortunio di Thiaguinho.

E proprio questo ingresso in campo diventa un siparietto tra le voci Rai del volley. Da un lato Colantoni, da sempre stregato per Molfetta. Dall'altro lato il commento tecnico di Lucchetta.

"Il tifo di Molfetta, il suo palazzetto erano il settimo, l'ottavo, nono, decimo, undicesimo giocatore in campo - ricordano i due - Trento perdeva e soffriva tanto Molfetta"

E così una semifinale europea diventa un amarcord  biancorosso. E la voce della due giorni di semifinali e finali è sempre la sua, nata proprio nel Palapoli girone dantesco del volley nazionale: il molfettese Roberto Sciannamea

Lascia il tuo commento
commenti